Il suino

Quattro chiacchiere al bar sul forum al maschile....
Rispondi
skydarx
Messaggi: 25
Iscritto il: 22/01/2012, 14:20

Il suino

Messaggio da skydarx » 25/01/2012, 16:06

Parliamo del suino, conosciuto anche come maiale, porco o, come piace anche a me, porcello, animale quasi domestico dall'immagine controversa.
Su di lui, infatti, si sente ogni tanto dire: porca miseria, porco Giuda (mi spiace un po' anche per il povero Giuda...), mangi come un porco. Oppure, in coppia: che intenzioni avevi con quella lì? confessa, porco! O fra amici: quella lì ha l'aria tanto per bene, ma a letto deve essere una porca. E via di questo passo.
Però, eeeh, a chi non piace il prosciutto, il salame o la sorella minore: la porchetta ? : Chef :
Allora, spezziamo una lancia in favore del povero buon porcellone, o suino, con una soave e goliardica poesia. Ma prima di declamarla, è doveroso rendere omaggio al suo primo autore, l'architetto Marius Marenco, personaggio geniale e scanzonato dalla faccia di bronzo incredibile. In milanese si direbbe "faccia de tola", ma più di qualcuno lo aveva soprannominato anche "faccia d'acciaio inossidabile" per la sua capacità di non scomporsi più di tanto anche nelle situazioni più "acrobatiche". : Nar :
Mi sono più di qualche volta divertito a leggere questa poesia in presenza di amici, colleghi od altri ascoltatori, assistendo alle reazioni più diverse, pure esse comunque divertenti. Di solito, una certa parte si scompisciava dalle risate, come a volte succede anche a me sia per il testo che per i conseguenti pensieri. : Chessygrin : : Chessygrin : C'è chi invece esclama, un po' sottovoce "che schifo", chi si scandalizza o fa finta di farlo : Andry : e chi ancora assume un'aria perplessa. : Wink :
Il lessico di questa poesia potrebbe sembrare a volte non corretto, ma non è così, perché certe parole sono state volutamente "adattate" al tema, per rendere meglio l'idea. In ogni caso, buon divertimento. : Nar : : Nar :

IL SUINO
Tu sei un suino
Tutti vedono subito che sei un suino,
per il fatto che abiti nel porcile.

Sei rosa con chiazze di sporco.

Tua moglie è una suina.

Tu bazzichi il porcile dalla mattina alla sera
e grugnisci, e grugnisci.

Tu ficchi il muso nel truogolo
e sughi, in continuazione, la brodazza,
piena di pezzi di roba
che galleggiano nella brodazza.

Le tue setole pungicano.
La tua coda è un punto interrogativo
e perciò, fa pensare a grandi suinate.
A tutti noi piace fare delle grandi suinate.
Più qualcuno è grande nella storia
e più grandi sono le suinate che può combinare.

Ma tu sei anche un animale utile e preggevole,
perché da te si possono ricavare le cotiche e la sugna.

Il tuo grugnito è pieno, il tuo grugnito è felice.

Tu sei fantastico, o suino.

Tu puzzi, ma sei pieno di gioia.




Rispondi

Torna a “Quattro chiacchiere al bar”