Ho bisogno di un confronto urgente...

Diventare papà, cercare un bimbo, desiderio di paternità... tutto ciò che noi uomini ci vogliamo dire ma spesso siamo timidi o ritrosi!
Rispondi
luciano1
Messaggi: 10
Iscritto il: 22/08/2013, 19:02
Località: Udine

Ho bisogno di un confronto urgente...

Messaggio da luciano1 » 22/08/2013, 19:47

Io premetto che la mia situazione è tutt altro che facile...comincio a dire che io vent anni e la mira ragazza 17 purtroppo abbiamo avuto un bambino non previsto ma non certo tralasciato...purtroppo sono dovute intervenire le assistenti del suo paese perchè il padre è il tipico dalle mani alte che vuole solo la ragione segregandola nella sua stanza ventiquattro ore su ventiquattro...allora le assistenti la hanno trasferita in una comunità madre e bimbo...vi rendo nota che nonostante il padre la rinchiudeva noi siamo insieme da un anno e quattro mesi,non tanto ma nemmeno da sputarci sopra...insomma la trasferiscono e mi parlono che devo dimostrare interesse...come se in un anno con il tempo che aveva non fosse nulla...io comunque non demordo...due mesi senza vederla...perchè?gli assistenti hanno parlato di convenienza da far l abbonamento anzichè un singolo biglietto...per poi sentirmi dire che ci avevano dato una due ore al giorno per un giorno a settimana??avrei accettato se fossimo una stupida coppia che vuole solo perdere tempo...ma per una famiglia?ok siamo giovani e sono tante responabilità...ma abbiamo il diritto di stare in pace o in un anno non si può comunque con un padre che picchiava la figlia e la mamma e succube di lui? perchè si sa,hai tempi d oggi vivere da soli e difficile per una questione economica...talmente tanto che non ci capiamo io e gli assitenti ovvio ne risentiamo pure io e lei...a tal punto che in un anno insieme ora non mi interesso più a lei...posso capirla ha bisogno di me... e chi dice il contrario??io chiedevo solo un tempo adeguato per colmare il tempo di lei come mamma e della creatura che doveva nascere...da lì non la sento più...quattro giorni senza sentirla,decido di andare da lei senza avvisare,perchè ovvio bisognerebbe avvisare le asistenti per presentarsi ma non ero andato con intenzioni cattive anzi,ma per dare la roba che da parte mia,dei miei e parenti se non la portavo io,non la portava nessuno...l'educatrice in turno mi disse che non c era...io non feci tanto caso,pensavo,visite o comunque altro a cui doveva fare(in quel periodo aveva il pancione...)poi ero venuto anche solo per un minuto per porre fine a rimedio perchè so per telefono che discutiamo...torno a casa e mia madre mi mette il dubbio"ma tesoro non è che magari è all ospedale"?io la chiamo....si...Cioè io tra oggi a domani non sapevo che neanche nasceva mio figlio???scherziamo??...alla fine tra un discorso ad un altro non ci capiamo più e di nuovo silenzio...poi ovvio ricevo il messaggio"e nato"...cioè...in ospedale non c erano problemi di orari...riuscite minimamente pensare al male che sentivo dentro?essere stato estraneo al parto di mio figlio ciò nonostante amo lei e volevamo rimanere uniti,e che per un fattore di silenzio,non sono potuto esserci?si ho sbagliato e vero ma tutti mi dicono che lei non doveva fare così se mi voleva ma avvisarmi...xke certo non si passa insensibili a certe cose no??...pieno di rabbia mi calmo...lei incredula ovvio...gli dico che stavo arrivando all ospedale...ero davanti a lei e lei tremante perchè gli mancavo...io alla fine ho fatto pace con lei...vidi il mio piccolo...mi hanno fatto la gentilezza di tenerlo in braccio...ecco li ho pianto...almeno tornando a casa sapevo,ora un minimo abbiamo pace...torno altre volte da lei finche non la dimettono...allora le assistenti essendo lei minore e quindi la devono tutelare devono conoscermi giusto?ed essendo stato seguito anche io in alcune comunità per problemi economici anni fa dovevano contattare la mia assistente sociale...sapete quante volte l hanno cercata tanto che se per loro vogliono tenerci uniti? una volta!!contestualmente pochi giorni fa a voce,ho sentito dalla mia assistente che l hanno cercata solo una volta e che mi sono io mosso per attivare un lavoro(dato che non ce l ho) e che si avvierà a metà settembre...io e mia madre le abbiamo cercato mille volte,la risposta era o la segreteria di lasciar un messaggio per essere richiamati o comunque avevano quasi sempre urgenze...si ok però intanto io mi muovo,loro giudicano il mio passato non dando di conseguenza le adeguate possibilità di star insieme per due ore massimo per una mamma bene o male ed un bambino non bastano...almeno la penso così,non siamo una cavolo di coppietta che vuole perdere tempo ma una famiglia che lo vogliono o no...e intanto noi continuiamo a soffrire quando appena avevamo fatto pace...poi per una persona che fino per ora almeno,non ha la macchina,soldi me li danno i miei finche non posso essere autonomo,per 50 o più chilometri di distanza da dover prendere non uno ma DUE bus,e per il fatto che sono venti a botto andata e ritorno di euro... e dicono che non ho dimostrato perchè la possibilità me l hanno data ma non mi sono presentato...ah no? ed all ospedale cos era per divertimento?il lavoro visto che volete concretezza e per divertimento?cioè ok che è la prassi,agli inizi e sempre cosi poi pian piano aumentano,ma non basta che come dimostrazione non avendo lei libertà,in un anno siamo ancora qui e pure ora??che un altra coppia così giovane sfido dopo tutto questo ad esserci ancora...in pratica parlano parlano le assistenti,dicono che non dimostro nulla,quando sono andato con educazione e rispetto nella comunità anche senza preavviso ma solamente per spiegarle all educatrice in turno ed a dare la roba per il bambino,sono andato diverse volte all ospedale pur non essendo stato al parto per del maledetto silenzio e sto addirittura con chi di dovere attivando un lavoro!!!e sentirmi dire che sono un ragazzino,che non dimostro nulla e che il tempo da quando e rientrata con il bambino(sano e di buona salute)non ne abbiamo!....insomma sono esausto...mi sacrifico con il cuore e ricevo solo falsità e giudizi...e finchè il giudice non da una risposta gestiscono le assistenti sue le visite...allora mi dico tanto che volevano il meglio per noi,sono io che mi dimostro strafottente,scusate il termine o loro che non si fanno mai vive??...io non ho più le forze cavolo...non voglio abbandonarla...ma sono solo e lei arriva ovvio se continuiamo nuovamente a non vederci,a pensare di nuovo male...ma dico esisto solo io per i sacrifici ma per essere reputato il padre nonostante tutta la loro estrainetà nei miei confronti no?...cioè...cosa devo fare ancora più di tuttto ciò?..perchè mi sacrifico,non lo vedono,attivo il lavoro,mi dicono che sono un ragazzino,i tempi x star assieme e sereni non sono ben predisposti e pure mi criticano del mio passato perchè LORO credono che se ero in comunità non era solo per un fatto economico...ah no?mi dite come fanno tre persone a vivere in un mini locale???mah...e questa la legge?no questa e la legge finchè gli va comodo a loro,perchè loro dicono che è la legge...allora dico se esser buoni non comprta nulla,e meglio s....i ??? non so più che fare...


Anche se ieri hai perso qualcosa;non significa che domani non devi più lottare per riaverla.


pietro68mlm
Messaggi: 128
Iscritto il: 25/09/2012, 10:34
Località: provincia genova

Re: Ho bisogno di un confronto urgente...

Messaggio da pietro68mlm » 24/08/2013, 23:56

Fai un bel passaparola tra i tuoi amici e senti se qualcuno ha un amico avvocato.....dopo fatti consigliare su cosa fare..ciao : Thumbup :



luciano1
Messaggi: 10
Iscritto il: 22/08/2013, 19:02
Località: Udine

Re: Ho bisogno di un confronto urgente...

Messaggio da luciano1 » 25/08/2013, 21:14

Proverò ad ascoltare il tuo consiglio dato che andar dietro ad assistenti sue o altro non serve ben a molto anche se una persona e ben predisposta a sacrificarsi ed esserci...l'unico problema è una questione di tempo,e se si continua così e possibile dall'esasperazione che lei si stacchi da me,anche un altra mia paura xke non voglio ciò,xke lei quanto me desidera solamente presenza,quello che loro non mi permettono...


Anche se ieri hai perso qualcosa;non significa che domani non devi più lottare per riaverla.


Rispondi

Torna a “Diventare papà”